Orari: 8:30 - 20:00 dal lunedì al sabato | 8:30 - 13:00 il martedì | Chiuso la Domenica     +39 0541783449

Intervista a Simone Grazioli Schargel
di Beatrice Piva

Sempre più persone si sentono stressate. Nell’opinione pubblica lo stress è dovuto a una componente psicologica. Esistono innumerevoli articoli e letture dedicate a migliorare il comportamento e a perfezionare le tecniche di rilassamento. Nonostante ciò ogni giorno uomini e donne continuano ad avere piccoli o grossi segni di sfinimento e la tensione nel quotidiano non diminuisce. Che cos’è esattamente lo stress? Da cosa nasce e come si può curare?

Ne parleremo venerdì 27 maggio alle ore 21:00 alla Sala Gymnasium del TerraeSole con Simone Grazioli Schargel, ricercatrice universitaria e scrittrice che si occupa delle problematiche derivanti dallo stress e della loro cura. Simone presenterà il suo libro “Una vita senza stress” edito da Macro Edizioni e tratterà questa problematica come un fenomeno biologico preciso, che si manifesta con mille sfaccettature nella vita moderna.

Per entrare nel vivo della serata abbiamo rivolto all’autrice qualche domanda:

Simone Grazioli, cosa intende per “stress moderno”?

Numerose sono le testimonianze come, con il procedere dello sviluppo industriale, l’umanità ha incominciato a parlare (e a soffrire) di stress. Ecco due esempi, uno di Emile Zola (1866): “Siamo malati, questo è sicuro, siamo malati di progresso. C’è una ipertrofia del cervello. I nervi si sviluppano a scapito dei muscoli. Studiate la letteratura contemporanea, troverete in essa tutti gli effetti della nevrosi, che agita il nostro secolo.”
E l’altro dal medico statunitense Walter Cannon (1936): “É avvenuto un cambiamento estremamente importante nell’incidenza delle malattie nel nostro paese …, infezioni gravi, un tempo diffuse e disastrose, sono diminuite sensibilmente o quasi scomparse, … mentre sono aumentati in maniera considerevole i casi legati alla tensione del sistema nervoso.”
La classe medica dell’800’ riconobbe con precisione gli effetti dello stress cronico come risposta alla modernità e lo definì “strettamente legato alla civilizzazione e l’urbanizzazione”.

Quindi non dovrei aggiungere altro, se non che oggi ci siamo dimenticati di questo fatto – la vita moderna è diventata stressante normalità.
Lo stress si può eliminare definitivamente dalla propria vita?

Lo stress, inteso come capacità di rispondere e di adattarsi all’ambiente, è una delle caratteristiche della vita stessa. Si tratta di un meccanismo biologico innato in tutte le forme viventi, dalle più semplici alle più complesse. Ha lo scopo di sostenere, proteggere e salvare la vita: lo stress prepara l’organismo all’azione, fornisce l’energia necessaria per farci raggiungere i nostri obiettivi, farci scappare o resistere a delle avversità. Se vogliamo eliminare lo stress dalla propria vita, perderemo la vita stessa!

Quindi il problema non è lo stress di per sé, ma la nostra crescente incapacità di rispondere in modo adeguato alle esigenze della vita moderna. Certo le nostre esistenze sono diventate più complesse, ma – e questo secondo me è il punto centrale – siamo esposti senza tregua a stimoli ambientali subliminali di natura chimica, fisica, metabolica e ormonale, che richiedono una continua compensazione da parte dell’organismo.
Quando gli input provenienti dall’ambiente sono incessanti o non possiedono una informazione biologica sensata, quando i cambiamenti ambientali procedono in modo talmente veloce da non lasciare respiro all’evoluzione o semplicemente quando non ci permettiamo sufficiente riposo, lo stress diventa cronico e si può trasformare in una sindrome di mal adattamento e di esaurimento delle proprie riserve.

Ci sono particolari generi di persone più predisposte di altre ad essere soggette allo stress?

La capacità di affrontare situazioni stressanti dipende fondamentalmente dalle ghiandole surrenali e dalle nostre riserve. Sappiamo per esperienza che esistono naturali differenze tra gli individui. Secondo la costituzione possiamo essere più predisposti a soffrire di stress mentale, piuttosto che metabolico; possiamo essere fisicamente molto resistenti, ma non badare al recupero. O al contrario avere una salute delicata, ma curarci con attenzione.
Aldilà delle differenze citate molto dipende anche dall’esposizione ambientale, comportamentale e alimentare della madre durante l’attesa. E a quanto pare c’entra pure l’imprinting epigenetico del padre. Oggi sappiamo che lo sviluppo di salute e malattia inizia nel periodo prenatale. Sperimentiamo stress a livello molecolare sull’attività dei geni, già a partire dal concepimento. Questo è il prezzo che paghiamo per la modernità.

Il giorno seguente alla serata alla sala Gymnasium terrà un seminario alle vie del Dharma, il centro yoga a Diegaro di Cesena, può anticiparci i punti salienti del suo seminario?

“Vinci lo stress e prenditi cura di te stesso” sarà un seminario molto pratico e complementare al libro “Una vita senza stress”. Approfondirò il ruolo che l’ambiente ha sulla nostra salute mentale e fisica, ma darò uno spazio importante all’influenza protettiva che l’ambiente può avere su di noi, quando rispettiamo i ritmi biologici e curiamo i nostri bisogni ancestrali. Parlerò di cibo non come caloria, ma come informazione che parla ai nostri geni momento per momento. Cercherò quindi di dare delle risposte concrete per prevenire e risolvere l’esaurimento delle ghiandole surrenali e ritrovare la migliore vitalità.

Simone Grazioli Schagerl è esperta in medicina naturale, fitoterapia, medicina psicosomatica strumentale, epigenetica, medicina nutrizionale e funzionale, bioterapie nei disturbi psichici nei minori, analisi e tecniche diagnostiche nella medicina preventiva.
Ricercatrice universitaria e scrittrice, si occupa delle problematiche derivanti dallo stress e della loro cura.

terraesole
About terraesole

Terra e Sole è il primo supermercato biologico certificato in Europa – rappresenta una delle attività commerciali nel settore biologico più affermate in Italia.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Terra&Sole inserisci la tua email, i tuoi dati verranno gestiti secondo le norme della Privacy Policy
NEWSLETTER